Io sono un runner: Matteo Caccia

39 anni, attore teatrale, conduttore radiotelevisivo, cofondatore di Radiofactory, Matteo Caccia conduce su Radio24 il programma “Voi siete qui”, e “Dalla A aLaeffe”, sul canale televisivo Laeffe (Canale 50 DTT).

LA PASSIONE
«La mia passione per la corsa esiste indubbiamente, ma è nella fase della gestazione. Spero che il parto non sia troppo doloroso».

LA SCOPERTA
«Ho scoperto il cardiofrequenzimetro e sembro un anziano che si apre un profilo Facebook: prima non gli interessa, poi ci impiega una vita a capire come funziona e alla fine lo guarda anche mentre è in bagno».

COMPETITIVO SÌ, MA…
«Fingo di “godermi la corsa”. In generale oggi provo a tenere sopito il mio spirito competitivo perché al momento prenderei delle porte in faccia troppo dolorose per la mia autostima».

EMOZIONE NEW YORK
«Corro quattro volte a settimana. Sono stato con Brooks e Almostthere alla New York City Marathon.Temevo di non arrivare in Central Park e invece è stata un’escalation di emozioni e il 4.32’24” è per me un obiettivo pienamente raggiunto!».

NON SOLO CORSA
«Sono istruttore di vela presso il Centro Velico di Caprera, dove ho imparato a portare una barca per la prima volta. Per il resto quando voglio fare fatica senza scarpe da running ai piedi, opto per calcio e tennis. E poi, mi piace tantissimo non fare niente».

TRAINING
«Nei giorni di allenamento so che devo stare attento a non fare troppa fatica, altrimenti ne risentirei durante la corsa. Il giorno di riposo, invece,sono felice come un bambino!».

MENTAL
«Al parco, quando vedo altri correre, mi piacerebbe un sacco fermarli e chiedere loro perché lo fanno. Ognuno di noi ha motivazioni diverse… io non ho ancora ben chiara la mia!».

MOBY DICK
«Se dovessi convincere qualcuno a correre, gli direi di non ascoltare quelli che dicono che è una figata pazzesca, perché le prime volte non è così; fai una gran fatica e devi tenere duro. È un po’ come “Moby Dick” di Melville, se riesci a andare oltre le prime 100 pagine dedicate alle baleniere e alla tecnica di pesca, poi sì che diventa un godimento».

FRIENDS
«Corro da solo, ma ho un amico, Mauro che è venuto a New York a correre la maratona insieme a me. Vive a Roma. Diciamo che “corriamo a distanza”».

MILANO
«Corro a Milano al parco Ravizza. È piccolo, ma proprio per quello conosco le persone che lo frequentano e quando ci torno mi sembra di riprendere il filo di un telefilm che ho visto due giorni prima».

ISPIRAZIONE
«Ammiro quelli che usano la corsa come fonte di ispirazione. Davvero.Io quando corro riesco solo a pensare di sopravvivere e finire il prima possibile!».

IL MIO AMICO DANIEL
«Ho conosciuto da poco Daniel Fontana, uno che con lo sport fa sul serio e che sarebbe dovuto essere con me a NY, ma che all’ultimo ha invece dovuto optare per un Ironman in Brasile. Il mio obiettivo è che passino gli anni, lui si alleni sempre di meno e che arrivi finalmente il giorno in cui potrò batterlo a un giro di corsa intorno a Parco Ravizza!».

MURAKAMI
«Quando ancora non correvo sono stato folgorato da “l’arte di correre” di Haruki Murakami, perché non parla solo di corsa. Ma qualche hanno fa, prima di lavorare in radio, ho scritto uno spettacolo che raccontava le gesta di un ciclista degli anni ’50 diventato famoso per avere inventato “la maglia nera” al giro d’Italia. Non potendo competere con gente come Coppi e Bartali, si era accorto che arrivando ultimo stava simpatico alla gente e alla fine del Giro portava a casa un sacco di regali. L’ho incontrato più volte ed è stato un vero piacere».

PLAYLIST
«Durante i primi allenamenti ascoltavo una playlist fatta di brani di musica indie-rock che mi suggerisce Tiziano Bonini il mio socio in radio che sceglie i pezzi per il programma, dai Vampire Weekend, ai Mumford and Sons, ora però ho smesso perché mi deconcentra, anche se sui lunghi, quando la noia è in agguato mi ascolto dei podcast di programmi di storytelling della radio americana.Su tutti lo storico “This American Life”o il più recente “SnapJudgement” di NPR».


Pubblicato su runnersworld.it il 13 novembre 2014

Leave a Comment

donne_sport_confronto_sessilondon_marathon_15